Posts Tagged ‘Crisi Globale’

Introduzione alla Permacultura

13 ottobre 2012

Meraviglioso!

 

Annunci

Chi è Peter Joseph?

15 dicembre 2011


E’ bello sapere di non essere più in pochi a pensarla così. Grazie Peter.

Test Succesful for 1 MW E-Cat Cold Fusion Device 28/10/2011

29 ottobre 2011

It works!
Yesterday 28/10/2011 Andrea Rossi, the inventor of E-Cat, in presence of  the 1Mw customer, other scientist, Associated Press, radio, blogger etc … perform the test on the 1Mw E-Cat.
This device worked during the test in autosustainable mode for 5 hours with output 470kwh per hour. Impressive results.

Probably we are finally at the beginning of a new Era. Anyway this kind of energy/technology need a wise mind to be used! This devide could bring us directly into a better world … but if we decide to follow the protif, GDP, StockMarkets with acquisitive and competitive behavior, this device will bring us directly to the estinction of human beings. We can’t leave this technology in the hands of 1%.  This device is for the whole humanity, for the planet, a gift for our Mother Earth after all the pain that we cause her.

All info’s and related link here:
http://pesn.com/2011/10/28/9501940_1_MW_E-Cat_Test_Successful/
www.nyteknik.se
22passi.blogspot.com/
Video search for “Rossi Focardi”

Roma dopo la manifestazione del 15 Ottobre 2011 – E adesso giù le tende e su l’e-government.

19 ottobre 2011

Un applauso alle forze dell’ordine per come si sono comportate a Roma. A parte piccoli nervosismi con i manifestanti (vedi l’idrante nella piaza sbagliata) direi  che hanno avuto decisamente più autocontrollo che a Genova durante il G8 del 2001. Per contro devo lanciare un “vaffanculo” a quei ragazzi vestiti di nero che hanno tolto la parola a noi indignati.

Vi capisco ragazzuoli, vi capisco eccome, condivido la vostra rabbia ma non condivido i vostri mezzi. Non avete un obiettivo, e questo è lampante. Se aveste davvero un obiettivo vi avremmo visti puntare verso parlamento e altri palazzi importanti del potere e invece no! Restate sempre nelle piazze, sempre vicini alle manifestazioni più grandi perchè vi ci dovete nascondere dentro, e la chiamate “strategia di guerra” anzichè chiamarla codardia. Questo è da vigliacchi, mi spiace. Fate bene ad urlare, ma dovreste farlo senza maschere, si sente di più! ^^
Dovreste unirvi a chi grida il proprio sdegno dimostrando attivamente il tipo di società che vogliamo portare, dovreste unirvi a chi sta in questo momento piantando tende nelle varie piazze d’europa. Quelli sono guerriglieri, veri “eroi” che non si nascondono, si mettono in gioco in prima persona in modo intelligente, con proposte costruttive anzichè con azioni distruttive che, lo sapete bene, non servono e non serviranno a nulla. Sabato avete fatto un grosso errore. La folla, i cittadini, la manifestazione tutta non vi ha digerito. Quei cittadini che durante passati scontri magari tifava tacitamente per voi, ora vi detesta.

La giornata di sabato 15 ottobre era TROPPO importante per essere sabotata. Dai palchi avremmo detto le cose che sognavate sentire da una vita, avremmo fatto capire ai governi di turno cosa intendavamo per futuro, per “progresso”. Avremmo detto loro che a questo sistema economico noi non crediamo più, e gli avremmo illustrato i perchè. Avremmo fatto capire loro che non saremo mai loro servi, al servizio delle loro equazioni.

E invece niente, grazie a voi black bloc non è stato possibile dire niente, e ora che succede? Il governo alza il tiro, usano il pretesto dei violenti per fare leggi ancora più limitanti, che minano la libertà di tutti. Non paghi useranno questo pretesto per attaccare il movimento NoTav (che ho sempre appoggiato e sempre appoggerò, pacificamente ma in maniera decisa, tipica dei Valsusini). Volete una piccola anticipazione?  Il 23 Ottobre lo Stato Italiano farà a Chiomonte un vero e proprio abuso contro i cittadini della Val di Susa, forti del fatto che l’opinione popolare ora è spaventata da quei “cattivi” manifestanti di Roma. Ci andranno giù di brutto, stile Genova per intenderci e come per Genova e Roma spero di riuscire ad andarci anch’io, non per masochismo, ma per filmare TUTTO. Mandando il filmato in diretta sul web via streaming (se avrò campo).  Ogni abuso dovrà essere documentato e prego tutti coloro che verranno al raduno del 23 ottobre di portare le solite immancabili macchine fotografiche, telecamere, iphone o similari, pc con webcam … qualunque cosa!

Al di là di questo appuntamento a Val di Susa, ora credo che la miglior cosa sia smetterla di fare cortei e manifestazioni! Che siamo un fiume in piena ormai è chiaro sia per loro che per noi. Piuttosto è ora di scendere in piazza per restarci, come in Egitto o nella recente Wall Street, è ora di ritirare tutti i nostri soldi dalle banche (non di sfondargli le vetrine), è ora di fare scioperi generali come in Grecia, ma soprattutto è ora di tirare fuori dal cappello magico della rete un portale per l’ e-government da utilizzare direttamente dalle piazze o da casa per proporre e votare leggi. Anonymous, vi lancio la proposta: riuscireste a creare un portale di quel tipo? Semplice da usare e sicuro in modo che nessuno possa frodare la VERA democrazia? Chi meglio di voi potrebbe riuscire in questa opera? Non il vitrociset, di sicuro e tantomeno il CNAIPIC!

15 Ottobre 2011 – La prima manifestazione Globale della storia dell’umanità!

13 ottobre 2011

15 Ottobre 2011 … questa è la data che aspettavo da circa una ventina di anni.
La prima manifestazione Globale della storia dell’umanità! Non era mai successo, sarà la prima volta e sarà una data che verrà ricordata a lungo.

… ma non si poteva organizzare qualche giorno dopo, diciamo …  il 5 novembre! 😉

Speriamo invece che non ci siano casini, il movimento di New-York sta facendo presa nel cuore delle persone perchè è un movimento pacifico, la loro arma è internet (la stessa dai tempi della Tunisia ormai) e coadiuvati dagli onnipresenti Anonymous  stanno sputtanando alla grande i poliziotti particolarmente violenti a colpi di… YOUTUBE! Date un occhiata al video qui sotto, dovremmo prendere esempio, se solo le forze dell’ordine italiane non fossero mascherate da black block:


Anonymous for the Lulz! ^^ …li adoro! ❤

Cosa vogliono quelli che manifestano e protestano?

9 ottobre 2011


Ogni stato ha le sue storie specifiche e i suoi casi di corruzione o altro … eppure ci si accorge che scavando nell’animo dei manifestanti, dei rivoltosi, ci sono sempre e solo due “sensazioni”, due stati d’animo che più di altri contribuiscono a schiodare dalla televisione centinaia di migliaia (se non milioni) di persone. Per spiegarmi meglio non riesco a trovare parole che riescano a descrivere questi due stati d’animo, ci proverò dunque con due storielle che rendono l’idea meglio di qualunque articolo.

La prima storia è QUESTA
La seconda comincia qui sotto:

Un uomo in giacca e cravatta è apparso un giorno in un villaggio. In piedi su una cassetta della frutta, gridò a chi passava che avrebbe comprato a € 100 in contanti ogni asino che gli sarebbe stato offerto. I contadini erano effettivamente un po’ sorpresi, ma il prezzo era alto e quelli che accettarono tornarono a casa con il portafoglio gonfio, felici come una pasqua. L’uomo venne anche il giorno dopo e questa volta offrì 150 € per asino, e di nuovo tante persone gli vendettero i propri animali. Il giorno seguente, offrì 300 € a quelli che non avevano ancora venduto gli ultimi asini del villaggio. Vedendo che non ne rimaneva nessuno, annunciò che avrebbe comprato asini a 500 € la settimana
successiva e se ne andò dal villaggio. Il giorno dopo, affidò al suo socio la mandria che aveva appena acquistato e lo inviò nello stesso villaggio con l’ordine di vendere le bestie 400 € l’una. Vedendo la possibilità di realizzare un utile di 100 € la settimana successiva, tutti gli abitanti del villaggio acquistarono asini a quattro volte il prezzo al quale li avevano venduti e, per far ciò, si indebitarono con la banca.

Come era prevedibile, i due uomini d’affari andarono in vacanza in un paradiso fiscale con i soldi guadagnati e tutti gli abitanti del villaggio rimasero con asini senza valore e debiti fino a sopra i capelli. Gli sfortunati provarono invano a vendere gli asini per rimborsare i prestiti. Il corso dell’asino era crollato. Gli animali furono sequestrati ed affittati ai loro precedenti proprietari dal banchiere.
Nonostante ciò il banchiere andò a piangere dal sindaco, spiegando che se non recuperava i propri fondi, sarebbe stato
rovinato e avrebbe dovuto esigere il rimborso immediato di tutti i prestiti fatti al Comune. Per evitare questo disastro, il sindaco, invece di dare i soldi agli abitanti del villaggio perché pagassero i propri debiti, diede i soldi al banchiere (che era, guarda caso, suo caro amico e primo assessore). Eppure quest’ultimo, dopo aver rimpinguato la tesoreria, non cancellò i debiti degli abitanti del villaggio ne quelli del Comune e così tutti continuarono a rimanere immersi nei debiti.
Vedendo il proprio disavanzo sul punto di essere declassato e preso alla gola dai tassi di interesse, il Comune chiese l’aiuto dei villaggi vicini, ma questi risposero che non avrebbero potuto aiutarlo in nessun modo poiché avevano vissuto la medesima disgrazia.
Su consiglio disinteressato del banchiere, tutti decisero di tagliare le spese: meno soldi per le scuole, per i servizi
sociali, per le strade, per la sanità. Venne innalzata l’età di pensionamento e licenziati tanti dipendenti pubblici, abbassarono i salari e al contempo le tasse furono aumentate. Dicevano che era inevitabile e promisero di moralizzare questo scandaloso commercio di asini.
Questa triste storia diventa più gustosa quando si scopre che il banchiere e i due truffatori sono fratelli e vivono insieme su un isola delle Bermuda, acquistata con il sudore della fronte. Noi li chiamiamo fratelli Mercato. Molto generosamente, hanno promesso di finanziare la
campagna elettorale del sindaco uscente. Questa storia non è finita perché non sappiamo cosa fecero gli abitanti del villaggio.
E voi, cosa fareste al posto loro? Che cosa farete?
Se queste storie vi ricordano qualcosa, ritroviamoci a Roma Sabato 15 ottobre 2011
Giornata internazionale di mobilitazione globale, perchè se perdiamo la capacità di indignarci di fronte ai soprusi e alla corruzione, allora non ci resta altro da fare che lamentarci di noi stessi!
Fate circolare queste storielle… d’altra parte, ne hanno bisogno soprattutto gli adulti! ^^

15 Ottobre 2011. Tutti a Roma! Verrà fondato il Consiglio Nazionale di Transizione Italiano (CNT_IT)

7 ottobre 2011

Ciò che c’era da dire è stato detto … ciò che c’era da provare è stato provato.

Ora è giunto il tempo per una sana, ponderata, PACIFICA ma determinata reazione! Il 15 Ottobre troviamoci tutti a Roma per illustrare la nostra ricetta per uscire dalla crisi ai così detti “potenti” o “””””onorevoli””””” che questa crisi l’anno creata! Il mood sarà proattivo, costruttivo, sereno. Le bandiere NON sono ammesse … non più ormai, il tempo per dimostrare la loro serietà i partiti lo hanno avuto, ma hanno tutti fallito.

Il 15 Ottobre ci sarà una presa di posizione chiara da parte dei cittadini di tutto il mondo. In Italia verrà costituito il Consiglio Nazionale Transitorio Italiano (CNT_IT) per tentare di salvare il salvabile utilizzando internet e le infinite competente/potenzialità dei cittadini. Noi siamo il 99% … e stiamo per arrivare! SILENT NO MORE!

Abusate dei vs dispositivi elettronici! Travasate tutti i vostri video direttamente su Youtube/Youreporter e girate i vostri link a @Oct15_IT  su Twitter.
Stiamo allestendo una postazione per la diretta streaming, chiedo a tutti quelli del gruppo FON o aderenti ad iniziative analoghe (e residenti a Roma) di aprire le loro connessioni wifi e renderle disponibili senza password…. per favore non fate perdere tempo agli Anonymous con wep o wpa varie 😉   Avremo bisogno del contributo di tutti, ciascuno con le sue competenze.

Per chi vuole capire le reali motivazioni di questa mobilitazione, potrete trovare interessanti spunti di riflessione da questo meraviglioso post del Guardian. Vi prego di leggerlo con molta attenzione … è inerente la protesta degli indignados di wall street (www.occupywallst.org) , ma si sa … tutto il mondo è paese.   La “Corrente” ormai è la stessa in ogni paese e certe cose ormai i bambini le vedono più chiaramente di noi (vedi min 1:10), dobbiamo solo smetterla di non pensarci o di far finta di accettare le cose come sono … è ora di svegliarci, è ora di riaprire BENE gli occhi ! Agiamo NOI prima che debbano farlo i nostri figli!

Sarà pure ottobre, ma la PRIMAVERA sta per arrivare anche in Italia!

Siamo tutti “Anonymous”! Hackers and people of the world UNITED!

1 settembre 2011

Gli hacktivisti di Anonymous hanno preso dannatamente sul serio il loro piano.
Il gruppo Anonymous-Italia, in concerto con il gruppo LulzSec (e in parte NKWT-Load) hanno sferrato nei mesi scorsi numerosi attacchi ai vari siti governativi italiani (andati tutti a buon fine).
Inoltre poco prima della  delibera AGCOM (che permette l’oscuramento dei siti web senza la consultazione di un giudice) il gruppo di Hacktivisti avevano preso di mira e reso inaccessibile il sito di Agcom. Una forma di protesta, uno sciopero virtuale messo in atto da chi crede che la censura non debba esistere in nessuna forma o tipologia.


A seguito di queste e altre operazioni, la polizia postale arrivò ad arrestare 15 presunti aderenti al gruppo di Anonymous.
La notizia venne lanciata con grande enfasi dai media “liberi” (?) dichiando la decapitazione della “filiale” italiana di Anonymous.

Purtroppo per la polizia postale la risposta non si fece attendere: evidentemente non hanno ancora realizzato contro quale tipo di “entità” si sono scontrati.. e infatti qualche settimana dopo gli arresti,  il server del CNAIPIC (il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche… ripeto … CENTRO NAZIONALE ANTICRIMINE INFORMATICO PER LA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE !) è stato violato dagli hacktivisti di Anonymous ed ora 8Gb di documenti riservati sono liberamente scaricabili da internet. Il CNAIPIC o corrispettivi “colleghi” stranieri avevano da sempre rappresentato per gli hacker una sorta di tabù, la “tana del drago”, da cui tenersi il più lontano possibile….      e invece …

Il fatto che gli hacker siano riusciti a violare istituzioni di quel calibro significa che è scattato qualcosa di molto importante, difficilmente arrestabile.
“HACKERS UNITED” è stato l’appello lanciato in rete dagli Anonymous tempo fa … e moltissimi tra i più grandi hackers del mondo stanno rispondendo.
Si stanno unendo, quasi ammassandosi e stanno mettendo a fuoco i loro obiettivi comuni, schierandosi fortunatamente dalla parte dei cittadini e delle loro libertà fondamentali.
La superiorità degli hacker dal punto di vista tecnico, dell’esperienza, del knowledge è disarmante … non oso immaginare come debbano sentirsi gli agenti del CNAIPIC con tutti quei sistemi da migliaia di (nostri) euro … beffati da un gruppo che usa programmi gratuiti (eheh! W Gnu/Linux) ma tant’è … probabilmente se avessero lasciato stare quei ragazzi non sarebbe successo nulla di così grave…

Mi spiace governi corrotti del mondo … state perdendo! Sembra che il vostro momento stia arrivando, è ora che i vostri sporchi segreti vengano a galla … e non c’è nulla ormai che possiate fare per evitarlo! Siete sotto assedio e tra crisi economica e prese di Coscienza popolari state perdendo il controllo di tutto. Le vostre politiche secolari fondate su corruzioni, su violazioni delle libertà mimetizzate da urgenti necessità, sulla paura dei cittadini e sulla loro divisione… finiscono qui!
… ed era ora che accadesse!

Un Pianeta, Una Rivoluzione!

11 agosto 2011

Fusione Fredda di Rossi e Focardi: Importanti novità alla conferenza della Defkalion

23 giugno 2011

Si è conclusa alle 16:30 la tanto attesa conferenza stampa della Defkalion tenutasi al “Palaio Faliro Municipality Congress Center”.
Questa ditta si occuperà della produzione e della distribuzione degli E-Cat in tutto il mondo (tranne Stati Uniti e militari).

Alla conferenza erano presenti circa 150 persone tra cui:

Il Sig. Xinidis, del Ministero dell’Industria e della Tecnologia
Rappresentanti di partiti politici, tra cui:
Partito dei Verdi Tedesco
Il sindaco di Palaio Faliro
Il presidente del Greek Technical Chamber
Il presidente dell’ Union of Greek Chambers
Il presidente del Greek-Americal Chamber of commerce
Rappresentanti dell’ Industrial Union of North Greece
The presidente della compagnia greca di miniere di Nichel (LARCO)
Professori universitari vari e altri personaggi influenti locali e stranieri.

Sul palco c’erano il Prof. Stremmenos, A. Xanthoulis della Defkalion Green Technology e ovviamente l’Ing. Andrea Rossi.
A riprendere la conferenza c’erano 7 telecamere del mainstream Greco, giornalisti della carta stampata, blogger, Associated Press ecc….
E’ stato distribuito il press-kit ai media (domani, venerdì 24/06/2011) usciranno foto e lista dei partecipanti.
L’evento è stato filmato e verrà uploadato su youtube molto presto (in teoria la settimana prossima).

Da oggi non si chiamerà più E-Cat (era il nome del prototipo = Energy Catalizer) si chiamerà Hyperion e ci saranno vari modelli, dai 5kw ai 30kw. Le dimensioni saranno contenute: L55xW48xH35cm
Il sito della Defkalion è ora attivo e potrete reperire il company profile che contiene interessantissime informazioni relative l’ Hyperion.

Signore e signori … allacciatevi le cinture!

_________________________

Update: eccovi alcuni video + l’aggiornamento di Daniele  (22passi)



(lo so, è poco, ma è successo poche ore fa e si trova ancora poco, nei prox giorni tenete d’occhio youtube!)