Posts Tagged ‘Blogosphere’

Nun te regghe più! —TUTTI A VOTARE !!!—

12 dicembre 2011

Ricevo e giro per vostra opportuna conoscenza:

——————————————————–

Vi invito a firmare con consapevolezza e senso del dovere, per il nostro bene , per i nostri figli, per il nostro Paese.
Grazie …

Per favore falla girare!!!!!!!!!!!!   Grazie!!!!!!!!!!!!
Oggetto: Uno spiraglio di cambiamento da realizzare  con urgenza

Ai sensi degli articoli 7 e 48 della legge 25 maggio 1970 n. 352 la  cancelleria della Corte Suprema di Cassazione ha annunciato, con  pubblicazione sulla GU n. 227 del 29-9-2011,  la promozione  della proposta di legge di iniziativa popolare dal titolo:  «Adeguamento alla media europea degli  stipendi,emolumenti,indennità degli eletti negli organi di rappresentanza  nazionale e locale».

L’iniziativa, nata in modo trasversale ai partiti e promossa dal gruppo  facebook “Nun Te Regghe Più”, dal titolo della famosa canzone di  Rino Gaetano,  ha come obiettivo la promulgazione di una legge di iniziativa  popolare è formata da un solo articolo:

“i parlamentari italiani eletti  al senato della repubblica, alla camera dei deputati, il presidente del  consiglio, i ministri, i consiglieri e gli assessori regionali,   provinciali e comunali, i governatori  delle regioni, i presidenti delle province, i sindaci eletti dai cittadini, i  funzionari nominati nelle aziende a   partecipazione pubblica, ed  equiparati non debbono percepire, a titolo di emolumenti, stipendi,
  indennità, tenuto conto del costo della vita   e del potere reale di acquisto  nell’unione europea, pi&u grave; della media aritmetica europea degli eletti negli  altri paesi dell’unione per incarichi equivalenti”

La raccolta firme viene effettuata  tramite appositi moduli vidimati depositati negli uffici elettorali dei  comuni italiani, qui l’elenco aggiornato in tempo reale dei comuni nei quali  è già possibile andare a firmare:
http://nunteregghepiu.altervista.org/comuni.htm

L’iniziativa è completamente autofinanziata dai promotori e dagli aderenti  quindi la diffusione dei moduli potrà essere non omogenea, eventuali  segnalazioni  di Comuni sprovvisti di moduli potranno essere effettuate direttamente nel gruppo facebookhttp://www.facebook.com/groups/nunteregghepiu/ o   all’indirizzo   di posta elettronica legge.ntrp@gmail.com

50.000 firme sono il minimo richiesto  dalla legge per la presentazione della proposta, 80.000 sono il numero  necessario per sopperire ad eventuali errori e anomalie di raccolta ma il  vero obiettivo è quello di poter raccogliere le firme di tutti gli italiani  stanchi di mantenere i privilegi di una classe politica capace solo di badare  ai propri interessi personali. Una firma non costa molto, continuare a restare  indifferenti costa molto di più.  Andate a firmare nel vostro comune e  non fatelo da soli, trascinate a peso anche i tanti che sono andati in loop con le lamentele fini a sè stesse! E’ arrivato il momento per i cittadini di riprendere il controllo di questo paese!

Info rapide:

Il cosa:  http://nunteregghepiu.altervista.org/index.html
Il dove: http://nunteregghepiu.altervista.org/comuni.htm
I  file:     http://nunteregghepiu.altervista.org/documenti.htm
Il gruppo: http://www.facebook.com/groups/nunteregghepiù

Di più non serve…. se non la nostra partecipazione. Fate girare per favore!

[grazie a M.A. per la segnalazione]

15 Ottobre 2011. Tutti a Roma! Verrà fondato il Consiglio Nazionale di Transizione Italiano (CNT_IT)

7 ottobre 2011

Ciò che c’era da dire è stato detto … ciò che c’era da provare è stato provato.

Ora è giunto il tempo per una sana, ponderata, PACIFICA ma determinata reazione! Il 15 Ottobre troviamoci tutti a Roma per illustrare la nostra ricetta per uscire dalla crisi ai così detti “potenti” o “””””onorevoli””””” che questa crisi l’anno creata! Il mood sarà proattivo, costruttivo, sereno. Le bandiere NON sono ammesse … non più ormai, il tempo per dimostrare la loro serietà i partiti lo hanno avuto, ma hanno tutti fallito.

Il 15 Ottobre ci sarà una presa di posizione chiara da parte dei cittadini di tutto il mondo. In Italia verrà costituito il Consiglio Nazionale Transitorio Italiano (CNT_IT) per tentare di salvare il salvabile utilizzando internet e le infinite competente/potenzialità dei cittadini. Noi siamo il 99% … e stiamo per arrivare! SILENT NO MORE!

Abusate dei vs dispositivi elettronici! Travasate tutti i vostri video direttamente su Youtube/Youreporter e girate i vostri link a @Oct15_IT  su Twitter.
Stiamo allestendo una postazione per la diretta streaming, chiedo a tutti quelli del gruppo FON o aderenti ad iniziative analoghe (e residenti a Roma) di aprire le loro connessioni wifi e renderle disponibili senza password…. per favore non fate perdere tempo agli Anonymous con wep o wpa varie 😉   Avremo bisogno del contributo di tutti, ciascuno con le sue competenze.

Per chi vuole capire le reali motivazioni di questa mobilitazione, potrete trovare interessanti spunti di riflessione da questo meraviglioso post del Guardian. Vi prego di leggerlo con molta attenzione … è inerente la protesta degli indignados di wall street (www.occupywallst.org) , ma si sa … tutto il mondo è paese.   La “Corrente” ormai è la stessa in ogni paese e certe cose ormai i bambini le vedono più chiaramente di noi (vedi min 1:10), dobbiamo solo smetterla di non pensarci o di far finta di accettare le cose come sono … è ora di svegliarci, è ora di riaprire BENE gli occhi ! Agiamo NOI prima che debbano farlo i nostri figli!

Sarà pure ottobre, ma la PRIMAVERA sta per arrivare anche in Italia!

Fusione Fredda di Rossi e Focardi: Importanti novità alla conferenza della Defkalion

23 giugno 2011

Si è conclusa alle 16:30 la tanto attesa conferenza stampa della Defkalion tenutasi al “Palaio Faliro Municipality Congress Center”.
Questa ditta si occuperà della produzione e della distribuzione degli E-Cat in tutto il mondo (tranne Stati Uniti e militari).

Alla conferenza erano presenti circa 150 persone tra cui:

Il Sig. Xinidis, del Ministero dell’Industria e della Tecnologia
Rappresentanti di partiti politici, tra cui:
Partito dei Verdi Tedesco
Il sindaco di Palaio Faliro
Il presidente del Greek Technical Chamber
Il presidente dell’ Union of Greek Chambers
Il presidente del Greek-Americal Chamber of commerce
Rappresentanti dell’ Industrial Union of North Greece
The presidente della compagnia greca di miniere di Nichel (LARCO)
Professori universitari vari e altri personaggi influenti locali e stranieri.

Sul palco c’erano il Prof. Stremmenos, A. Xanthoulis della Defkalion Green Technology e ovviamente l’Ing. Andrea Rossi.
A riprendere la conferenza c’erano 7 telecamere del mainstream Greco, giornalisti della carta stampata, blogger, Associated Press ecc….
E’ stato distribuito il press-kit ai media (domani, venerdì 24/06/2011) usciranno foto e lista dei partecipanti.
L’evento è stato filmato e verrà uploadato su youtube molto presto (in teoria la settimana prossima).

Da oggi non si chiamerà più E-Cat (era il nome del prototipo = Energy Catalizer) si chiamerà Hyperion e ci saranno vari modelli, dai 5kw ai 30kw. Le dimensioni saranno contenute: L55xW48xH35cm
Il sito della Defkalion è ora attivo e potrete reperire il company profile che contiene interessantissime informazioni relative l’ Hyperion.

Signore e signori … allacciatevi le cinture!

_________________________

Update: eccovi alcuni video + l’aggiornamento di Daniele  (22passi)



(lo so, è poco, ma è successo poche ore fa e si trova ancora poco, nei prox giorni tenete d’occhio youtube!)

Gli eroi della Fusione Fredda – E-Cat

17 giugno 2011

Ottimo documentario sull’ultima eccezionale scoperta di Rossi e Focardi. La Fusione Fredda sembra finalmente realtà. Non ho nemmeno voglia di chiedermi da quanti anni il DoD e DoE la tenevano negli armadi … sono troppo intento a sognare come potrebbe essere idilliaco e libero un futuro alimentato con una tale tecnologia.
I professori Preparata, Piantelli, Focardi, Levi, Stremmenos, Rossi e tutti coloro che SENZA finanziamenti hanno contribuito alla realizzazione di questo sogno, di questa RIVOLUZIONE!

Credo che ci stiamo avvicinando al “giorno zero”. Quella sensazione che da anni (da molto prima del primo post) mi suggeriva l’arrivo di un grosso cambiamento sembra ci avesse visto giusto … tra rivoluzioni sociali – rivoluzioni economiche – rivoulzioni interiori e ora anche una nuova rivoluzione: quella energetica … dovrebbe essercene abbastanza per dire: “ok, ci siamo!”
E invece no! Non siamo ancora arrivati al giorno zero, “sento” che non è ancora tutto qui … probabilmente a ottobre/novembre ne riparleremo!

Nucleare in Italia: ma chi vogliono prendere in giro?

3 maggio 2011

Berlusconi l’ha confessato. Dopo il vertice italo-francese a Villa Madama ha dichiarato: “Siamo assolutamente convinti che l’energia nucleare sia il futuro per tutto il mondo” e ha ammesso che “fare il referendum adesso avrebbe significato eliminare per sempre la scelta del nucleare […] Per questo abbiamo deciso di adottare la moratoria”.

Era chiaro sin dall’inizio. Lo stop del governo al nucleare è semplicemente un trucco per bloccare il referendum del 12 e 13 giugno. Una vergognosa e anti-democratica strategia per impedire ai cittadini di votare oggi e imporre il nucleare domani.

Fukushima e, 25 anni fa, Cernobyl, hanno insegnato che l’energia nucleare è troppo pericolosa e non ha futuro.

Perciò, su un tema tanto importante dobbiamo poterci esprimere con il nostro voto.

Al referendum si deve votare: solo votando Sì il 12 e 13 giugno 2011 fermeremo per sempre i progetti nucleari in Italia.
Ricordatevi quindi di votare SI’ !!!!!   SI’ SI’ e SI’ (ormai tutti gli italiani dovrebbero aver capito che i referendum in Italia vanno votati al contrario di quello che penseremmo … le vecchie tecniche non si mollano mai! 😉

E tu voterai Sì al referendum? Firma il tuo impegno ora. Mobilita i tuoi amici, informa la tua famiglia. Diventa parte attiva di questa campagna contro il nucleare!

(tratto da Greenpeace) <— Fatelo girare per favore!  E’  importante!!!

Qui sotto una chicca! Un video dove vedrete una persona che durante Annozero raggiunge il più totale delirio nel vano tentativo di difendere il nucleare … ascoltare per credere:


(esilarante incipit di Berlusconi e la “scomposizione delle cellule”)


Zeigeist 3 – Moving Forward

7 febbraio 2011

Peter Joseph sa ancora sorprenderci per la prospettiva  diversa che sa darci della realtà. I primi due episodi sono diventati una pietra miliare dei web-documentari underground.

Ed ecco uscito il terzo episodio di questa saga 100% made in internet (sottotitoli disponibili anche in italiano):

Il finale mi ha fatto venire in mente una cosa: se le forze dell’ordine caricheranno e attaccheranno si parlerà di Rivoluzione.  Se i governi invece rinunceranno ad ogni forma di violenza contro i manifestanti, accettando di lasciare i poteri ai cittadini, quella sì che sarà una vera e propria “Evoluzione“.
Non saremo noi cittadini a decidere questo ma i vari governi. Negli stati nord-africani hanno scelto la via della Rivoluzione, speriamo che nel “ricco” e “saggio” occidente democratico i governi rinuncino a lasciare i poteri ai cittadini senza fare vittime …

Pericolo: futuri Vajont in Spagna. Le dighe di Yesa e Itoiz

2 settembre 2010

Ecco un tipico esempio su come imparare dai propri errori … per rifarli !

Tutti saprete di ciò che è successo a Longarone a causa della diga del Vajont.
Più di 2000 morti in nome del progresso.
Era il 1963, la ragione e il buonsenso cominciavano a soccombere sotto i  colpi del dio denaro che aumentava il suo potere giorno dopo giorno. Biechi interessi economici di pochi, l’illusione degli “esperti” di parte che non hanno saputo prevedere … e nemmeno ascoltare ciò che semplici montanari urlavano a gran voce da mesi: “il monte verrà giù, basta vedere come sono piegati gli alberi … le crepe, siete ciechi?  fermatevi”.
Ma niente da fare, avevamo assolutamente bisogno di più energia, per consumare di più, per fare di più, per avere di più… di più, sempre di più …

Oggi a distanza di quasi 50 anni in teoria come “razza intelligente del pianeta”  dovremmo aver imparato dai nostri errori … in teoria …
In pratica invece la stessa identica tragedia sta per avvenire ai nostri vicini spagnoli.
Stanno per costruire/ingrandire nuove dighe, due di queste sono su zone con una morfologia del tutto simile a quella di Longarone. Potrete vederlo da voi cercando su google-earth le città di Yesi e quella di Itoiz. Un nuovo Vajont annunciato dunque.

Date un occhiata a questo video, se avete visto il film “Vajont” o lo spettacolo di Paolini capirete meglio:

Dalla Spagna mi scrivono che la cittadinanza sta manifestando tutto il loro dissenso, ma non conoscono il precedente del Vajont, quindi gli spagnoli preoccupati vengono tacciati da molte tv e giornali come demagoghi o estremisti e chi potrebbe fare qualcosa (politici o influenti) ridacchia sotto i baffi sussurando al collega: “il solito effetto N.I.M.B.Y“. 
Ecco a cosa porta l’attuale “democrazia” alla occidentale: ad essere governati da dei poveri, tristi, soliti omuncoli, orfani del dubbio … mi fanno una tristezza infinita (e danni altrettanto grandi).
Rischia quindi di diventare davvero una (ennesima) brutta storia.
Auguro ai cittadini di Yesi e Itoiz buona fortuna. Speriamo che travasando loro tutta la nostra esperienza relativa al Vajont possa servire per avere un finale differente da quello italiano.

INFORMIAMOLI !!! Aiutatemi a mandare ai blog spagnoli link a video, documenti, informazioni, tutto relativo al Vajont.

Web e pedofili

19 agosto 2010

Ed ecco qua … dopo 20 anni che bazzico per la rete, anch’io ho avuto un incontro virtuale ravvicinato con un vero e proprio mostro: un pedofilo.
Tutto ha avuto inizio un mese fa, quando ho deciso di fare l’esame di stato per avere il timbro di perito… volevo ripassare un po’, quindi tirai fuori i vecchi libri di scuola.
Non soddisfatto dei vecchi testi accesi emule per fare una rapida scansione del materiale che avrei potuto trovare.

C’erano un paio di file interessanti, dal nome innocuo del tipo: “Dispense di elettrotecnica”. Clicco, lascio macinare una notte e mi ritrovo il file (zippato) sul pc. Lo apro, non vedo dispense, vedo file di immagine … penso a una scansione salvata in formato immagine (.jpg) anzichè il classico formato testo (.pdf).

Apro l’immagine e vedo subito che non si tratta di dispense tecniche ma del prodotto di una mente pericolosamente malata … vedo una mano, immortalata mentre sta per tirare giù le mutandine di una bambina … altre foto, con altre bambine (dagli 8 ai 10 anni credo).

… sensazione di incredulità, stupore, rabbia, nausea … nell’esatto ordine …

D’istinto cancello quei file “infetti” … sul pc ci smanettano anche i miei due cuccioli … non voglio quello schifo sul mio pc. Poi mi attanaglia un dubbio … “forse ho sbagliato a cancellarlo? Dovevo portarlo alla polizia postale? E poi? Se mi beccano che ho scaricato qualche canzone, film o cartone animato?” Mi accorsi che finchè mi ponevo il dubbio, la risposta era già presente, chiara, cristallina … Ne parlo comunque in ufficio, sento amici, ricerco in rete qualche parere

… mi stupisco delle numerose persone appartenenti a svariate realtà e culture che mi consigliano di lasciar perdere … che sarei finito IO nei guai per aver fatto denuncia mentre il mostro sarebbe rimasto impunito …
… mi stupisco di come ci stiamo adattando a vivere in un mondo storto …

Il lunedì mattina una fiat punto modello “relitto rosso” si ferma davanti agli uffici della Polizia Postale. Perchè dovrei starmene zitto e lasciare che quel mostro dorma tranquillo? Per due canzoni scaricate? Vaffanculo! Rischio! Sia quel che sia … salgo le scale, mi ritrovo dentro una stanza con due persone a cui racconto l’accaduto. Mi chiedono il documento e li inizia una curiosa scenetta….

IO: Non so se voglio darvi il documento … non si può fare una segnalazione anonima?
LUI: Certo che può fare una segnalazione anonima, ma se il file era monitorato lei risulterebbe automaticamente nella lista degli indagati per pedofilia … veda lei …
IO: Ho scaricato qualche MP3 e alcuni film … temo che dandovi il documento possiate venire a casa mia per fare delle verifiche sul pc dove ho scaricato quello schifo. Trovereste i file di musica e film e potreste denunciarmi per un reato che nulla ha  che fare con la pedofilia (download di materiale coperto da copyright). Per questo sono titubante … inoltre molti sia in rete che nel “reale” mi hanno sconsigliato di farmi identificare, addirittura di fare denuncia … cosa mi dice al riguardo?

… Il maresciallo esita qualche istante … poi con aria di uno che ha capito al di là delle righe mi  guarda e mi dice:

LUI: Non si preoccupi, non andiamo a casa di quelli che si scaricano gli MP3.

Finchè lo dice mi guarda fisso negli occhi e io guardo lui. E’ come un silente accordo. E’ ora di smascherare quegli stronzi e quel maresciallo sembra aver capito che i “normali” utenti della rete possono dare un contributo preziosissimo (ho scritto “normale” perchè ormai chi non si scarica nulla da internet? Ma daaiiii … nel 2010?).  Se si liberano del clichè dei rompiballe che hanno addosso, pronti ad arrestarti per gli mp3, le segnalazioni diventerebbero probabilmente 1000 volte tante … e segnalazioni di reati infinitamente più gravi!

Decido di provare a fidarmi e gli porgo il documento. Prima di mollarlo ci guardiamo ancora negli occhi, ora ho la certezza che non stava mentendo e mi rassereno.

So bene come funziona la rete e so bene che esistono dei sistemi per rendere difficile risalire all’IP (la targa) di un pc che scarica qualcosa, so altrettanto bene che degli hackers ben motivati dentro un ufficio tecnico della polizia postale possa risalire i vari zig-zag che uno può compiere in rete.
Potrebbero però finire bruscamente la loro risalita contro un hotspot wireless (= internet senza fili)  che molti di voi hanno in casa e che alcuni di voi non si preoccupano di proteggere con chiavi di cifratura WPA/PSK , anzi, meglio con WPA2 e lunghezza chiavi non standard.
Avrei potuto collegarmi da uno di questi punti di accesso per mandare una segnalazione totalmente anonima, non avrei rischiato nulla … ma è giusto che gli utenti di internet vengano lasciati in pace quando collaborano con la giustizia per reati infinitamente più gravi …

… ora sono passate più di 4 settimane dalla denuncia, e nessun agente di polizia è venuto a bussare alla mia porta … vi terrò informati se dovessero avere dei “ripensamenti”!

MORALE DELLA  FAVOLA:

SE VI DOVESSE CAPITARE LA STESSA COSA: FATE DENUNCIA !!!
PRESENTATEVI AL COMANDO DELLA POLIZIA POSTALE PIU’ VICINO ED ENTRATE A TESTA ALTA. STATE DANDO IL VOSTRO CONTRIBUTO PER FAR RINCHIUDERE UN MOSTRO, UNO DI QUELLI CHE METTE LE MANI ADDOSSO AI BAMBINI.

Specie in via di estinzione

22 giugno 2010

Da una parte abbiamo:

  • il “Progresso”
  • il fatturato e gli utili
  • i “posti di lavoro”
  • le comodità
  • i nostri vestiti immacolati, magari di marca
  • le moto e le macchine fighe … ma a benzina

 Dall’altra parte abbiamo LORO:


[Animali in via di estinzione]

Ora fermatevi …
… fate un profondo respiro
… percepite l’aria che entra ed esce dal vostro corpo
… almeno per una sola volta nella vostra frenetica giornata siate consapevoli del vostro respiro
… pensate in piena Coscienza da che parte volete stare … pensateci Qui, Adesso …

E AGITE DI CONSEGUENZA !

Rendiamoci conto che non ne vale la pena! Svegliamoci! E’ ora di riprenderci da questo “torpore dell’anima”! E’ ora di capire che non possiamo più permetterci di difendere un modello socio-economico autodistruttivo solo perchè è l’unico che conosciamo! Ci sono miliardi di modi differenti di organizzare la società in un pianeta. Ci autodefiniamo “razza intelligente” … mettiamola in pratica allora questa benedetta “Intelligenza”!
Un essere realmente intelligente non metterebbe MAI a repentaglio l’ecosistema nel quale (e grazie al quale) vive.  
La giostra si sta fermando …
alcuni di noi nel frattempo sono cresciuti e scenderanno dalla giostra sereni, consapevoli della fortuna che hanno avuto nel poterci salire, gli altri si metteranno a piangere perchè gli mancheranno le lucette lampeggianti e le canzoncine … e per questi ultimi ci saranno tempi veramente duri …  
A quelli tra voi che si sentono ancora “capricciosi”,  che vogliono ancora la giostra e non sanno immaginarsi nulla di differente … a questi consiglio di “crescere” in fretta … la Natura non resterà a guardarci inerme ancora a lungo mentre le facciamo ogni sorta di violenza!


Provate a non ridere se ci riuscite!

15 maggio 2010

Tra Crisi e Illuminazioni … facciamoci una grassa risata!