Archive for maggio 2012

E’ ora di realizzare i propri sogni – La mia Natural(R)Evolution

5 maggio 2012

 

Ricordate questo post? Beh … i tempi si sono dilungati più del previsto, comunque alla fine sto materializzando ciò che inizialmente era solo una idea, un’intuizione…

Ho passato troppi anni a lamentarmi, ad essere la percora nera, la voce fuori dal coro… e contrastare il paradigma sociale, politico, economico che tendeva (e tende tutt’ora) a farci diventare escusivamente consumatori inconsapevoli come robot orfani del dubbio. Ho passato la vita a battermi e a lamentarmi contro l’inquinamento dell’aria e della terra, contro la distribuzione nei supermercati di cibi di scarsa qualità, contro “quelli che ben pensano” e alla fine mi sono reso conto che tutto ciò che provavo a fare era inutile, perchè me la prendevo con gli “effetti” e non con le “cause” di questo paradigma.
Ho finalmente realizzato che non si deve continuare a sperare che arrivi qualcuno a realizzare il mondo in cui vuoi vivere.. nessuno verrà, nessun supereroe, nessuna suprema entità, NESSUN POLITICO.

Sta a noi, è la nostra generazione che ha in mano le capacità di cambiare veramente questo attuale paradigma, questo demenziale ingranaggio corrotto e impazzito.

E da dove partire se non dalla terra in cui viviamo? E dove andare se non impariamo a gestire per prima cosa proprio quella terra che calpestiamo o ci passiamo distrattamente a fianco ogni giorno?

Ed è così che è nata la PRIMA iniziativa: quella dell’Orto Sinergico Cittadino.

Sarà solo l’inizio di un percorso che incontra le filosofie delle Transition Town e dello Zeitgeist Movement, passando per la Permacultura arrivando con gli anni all’ecopaese (ce la possiamo fare :).
Il bello è che per questo progetto ha ottenuto il patrocinio del comune dove vivo.
E’  la vittoria del buon senso, delle belle idee, dei progetti indiscutibilmente validi, perchè vincono tutti:
– vince la pubblica amministrazione che aiuta la realizzazione di un grande Orto Sinegico dove si darà la possibilità ai cittadini di comprare verdura allo stesso costo del mercato tradizionale, ma di una qualità nettamente superiore (ancora migliore del biologico).
– vince la popolazione che potrà acquistare verdura di stagione, sana, fresca, non trattata con nulla che non sia acqua. Le persone potranno scegliere la verdura direttamente dall’orto anzichè tra i freddi banchi dei supermercati.
– vincono gli operatori dell’orto che potranno contare su un nuovo lavoro (più manodopera).

Probabilmente diventerò un Contadino Contemporaneo,  ma anzichè disperarmi per il minore introito che probabilmente avrò, mi ritrovo a sorridere al pensiero di  mollare automobile, timbratrici di cartellini, scatole (uffici). lavori monotoni e ripetitivi, sciocche competizioni…  Ho già vissuto troppi anni con questo senso di schiavitù che mi perseguitava e che mi stava consumando da dentro.

Questa è la mia rivoluzione. Parte da qui, dal “campo dietro casa”. Tra non molto ricomincierò a vivere da libero anzichè lasciarmi scivolare tra i bui umidi declivi della depressione o dell’inconsapevolezza. Alzarsi la mattina e andare a lavorare per gusto, per piacere, lavorando con la Natura all’aria aperta come dice De Falco… già, sicuramente questa è proprio la mia Rivoluzione/Evoluzione Naturale, quella che sentivo arrivare quando ho aperto questo blog (che ora ha esautiro il suo scopo principale).

In bocca al lupo per la vostra Natural(R)Evolution 😉