Visita all’Ecovillaggio di Schio – Vicenza in Transizione


E’ stata un’ottima giornata quella organizzata dalla San Rocco Community. L’associazione, nata con l’obiettivo di fondare un ecovillaggio a Schio (Vicenza) ha presentato questa domenica il punto della situazione. Molte persone e molta curiosità intorno a questo progetto, che vede già prenotate 8 unita abitative. Queste abitazioni verranno costruite con la tecnologia” ^_^ della paglia.

E’ già associata alla R.I.V.E. (Rete Italiana Ecovillaggi Ecologici) la quale è aderente al circuito mondiale GEN (General Ecovillage Network) che raccoglie le centinaia di iniziative che sono partite con questo nuovo modello di urbanizzazione sostenibile e a misura d’uomo.

Aggiungendo a queste tutte le piccole realtà in Transizione in tutto il mondo, (qui quelle presenti  in Italia) direi che il quadro si fa veramente interessante.
Associazioni differenti si stanno intecciando, organizzando, si scambiano esperienze e informazioni, continuando a generare sinapsi di un nuovo genere umano in piena Rivoluzione Naturale. L’obiettivo è unico e chiaro: CAMBIARE ROTTA e prepararsi… e direi che ci stiamo riuscendo.

Seguirò da vicino l’evoluzione dell’Ecovillaggio di Schio, li ho trovati molto competenti, simpatici e decisi. Spero di fare l’esperienza necessaria per poter attivare un’iniziativa simile nel comune dove vivo … al vostro comune pensateci voi! ^_^




(se non vedi i video qui sopra, prova con Firefox!)

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Visita all’Ecovillaggio di Schio – Vicenza in Transizione”

  1. Denise Says:

    Ciao! San Rocco è a due passi da casa mia e in una contra’ vi è nata mia mamma e fino a poco tempo fa ci abitava mio nonno. Mentre fra qualche anno con la mia famiglia progettiamo di andare vivere a Santa Caterina, sempre al Tretto, dove invece è nato il papà di mio marito.
    Desideriamo quindi tornare alle origini.
    Penso sia proprio questo lo scopo finale degli ecovillaggi, tornare alla vita che si faceva una volta nelle piccole comunità come quella del Tretto. Una volta in contrà si condividevano spazi che erano dedicati a momenti in comune legati alla ruralità del luogo. La fontana per lavare, la stalla per ritrovarsi, il capitello per pregare, gli spazi per le lavorazioni dei prodotti del campo ecc. La vita era molto dura ma ci si aiutava anche molto di più.
    Le vecchie case erano costruite in pietra e legno locale e poi isolate da pannelli intrecciati, un esempio di case ecologiche del passato che dovremo prendere ad esempio e non dimenticare come abbiamo fatto finora…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: