Web e pedofili


Ed ecco qua … dopo 20 anni che bazzico per la rete, anch’io ho avuto un incontro virtuale ravvicinato con un vero e proprio mostro: un pedofilo.
Tutto ha avuto inizio un mese fa, quando ho deciso di fare l’esame di stato per avere il timbro di perito… volevo ripassare un po’, quindi tirai fuori i vecchi libri di scuola.
Non soddisfatto dei vecchi testi accesi emule per fare una rapida scansione del materiale che avrei potuto trovare.

C’erano un paio di file interessanti, dal nome innocuo del tipo: “Dispense di elettrotecnica”. Clicco, lascio macinare una notte e mi ritrovo il file (zippato) sul pc. Lo apro, non vedo dispense, vedo file di immagine … penso a una scansione salvata in formato immagine (.jpg) anzichè il classico formato testo (.pdf).

Apro l’immagine e vedo subito che non si tratta di dispense tecniche ma del prodotto di una mente pericolosamente malata … vedo una mano, immortalata mentre sta per tirare giù le mutandine di una bambina … altre foto, con altre bambine (dagli 8 ai 10 anni credo).

… sensazione di incredulità, stupore, rabbia, nausea … nell’esatto ordine …

D’istinto cancello quei file “infetti” … sul pc ci smanettano anche i miei due cuccioli … non voglio quello schifo sul mio pc. Poi mi attanaglia un dubbio … “forse ho sbagliato a cancellarlo? Dovevo portarlo alla polizia postale? E poi? Se mi beccano che ho scaricato qualche canzone, film o cartone animato?” Mi accorsi che finchè mi ponevo il dubbio, la risposta era già presente, chiara, cristallina … Ne parlo comunque in ufficio, sento amici, ricerco in rete qualche parere

… mi stupisco delle numerose persone appartenenti a svariate realtà e culture che mi consigliano di lasciar perdere … che sarei finito IO nei guai per aver fatto denuncia mentre il mostro sarebbe rimasto impunito …
… mi stupisco di come ci stiamo adattando a vivere in un mondo storto …

Il lunedì mattina una fiat punto modello “relitto rosso” si ferma davanti agli uffici della Polizia Postale. Perchè dovrei starmene zitto e lasciare che quel mostro dorma tranquillo? Per due canzoni scaricate? Vaffanculo! Rischio! Sia quel che sia … salgo le scale, mi ritrovo dentro una stanza con due persone a cui racconto l’accaduto. Mi chiedono il documento e li inizia una curiosa scenetta….

IO: Non so se voglio darvi il documento … non si può fare una segnalazione anonima?
LUI: Certo che può fare una segnalazione anonima, ma se il file era monitorato lei risulterebbe automaticamente nella lista degli indagati per pedofilia … veda lei …
IO: Ho scaricato qualche MP3 e alcuni film … temo che dandovi il documento possiate venire a casa mia per fare delle verifiche sul pc dove ho scaricato quello schifo. Trovereste i file di musica e film e potreste denunciarmi per un reato che nulla ha  che fare con la pedofilia (download di materiale coperto da copyright). Per questo sono titubante … inoltre molti sia in rete che nel “reale” mi hanno sconsigliato di farmi identificare, addirittura di fare denuncia … cosa mi dice al riguardo?

… Il maresciallo esita qualche istante … poi con aria di uno che ha capito al di là delle righe mi  guarda e mi dice:

LUI: Non si preoccupi, non andiamo a casa di quelli che si scaricano gli MP3.

Finchè lo dice mi guarda fisso negli occhi e io guardo lui. E’ come un silente accordo. E’ ora di smascherare quegli stronzi e quel maresciallo sembra aver capito che i “normali” utenti della rete possono dare un contributo preziosissimo (ho scritto “normale” perchè ormai chi non si scarica nulla da internet? Ma daaiiii … nel 2010?).  Se si liberano del clichè dei rompiballe che hanno addosso, pronti ad arrestarti per gli mp3, le segnalazioni diventerebbero probabilmente 1000 volte tante … e segnalazioni di reati infinitamente più gravi!

Decido di provare a fidarmi e gli porgo il documento. Prima di mollarlo ci guardiamo ancora negli occhi, ora ho la certezza che non stava mentendo e mi rassereno.

So bene come funziona la rete e so bene che esistono dei sistemi per rendere difficile risalire all’IP (la targa) di un pc che scarica qualcosa, so altrettanto bene che degli hackers ben motivati dentro un ufficio tecnico della polizia postale possa risalire i vari zig-zag che uno può compiere in rete.
Potrebbero però finire bruscamente la loro risalita contro un hotspot wireless (= internet senza fili)  che molti di voi hanno in casa e che alcuni di voi non si preoccupano di proteggere con chiavi di cifratura WPA/PSK , anzi, meglio con WPA2 e lunghezza chiavi non standard.
Avrei potuto collegarmi da uno di questi punti di accesso per mandare una segnalazione totalmente anonima, non avrei rischiato nulla … ma è giusto che gli utenti di internet vengano lasciati in pace quando collaborano con la giustizia per reati infinitamente più gravi …

… ora sono passate più di 4 settimane dalla denuncia, e nessun agente di polizia è venuto a bussare alla mia porta … vi terrò informati se dovessero avere dei “ripensamenti”!

MORALE DELLA  FAVOLA:

SE VI DOVESSE CAPITARE LA STESSA COSA: FATE DENUNCIA !!!
PRESENTATEVI AL COMANDO DELLA POLIZIA POSTALE PIU’ VICINO ED ENTRATE A TESTA ALTA. STATE DANDO IL VOSTRO CONTRIBUTO PER FAR RINCHIUDERE UN MOSTRO, UNO DI QUELLI CHE METTE LE MANI ADDOSSO AI BAMBINI.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Web e pedofili”

  1. Web e pedofili « Pasquale Caterisano Blog Says:

    […] Ed ecco qua … dopo 20 anni che bazzico per la rete, anch'io ho avuto un incontro virtuale ravvicinato con un vero e proprio mostro: un pedofilo. Tutto ha avuto inizio un mese fa, quando ho deciso di fare l'esame di stato per avere il timbro di perito… volevo ripassare un po', quindi tirai fuori i vecchi libri di scuola. Non soddisfatto dei vecchi testi accesi emule per fare una rapida scansione del materiale che avrei potuto trovare. C'erano … Read More […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: