“Sorella Acqua” … privatizzata!


 acqua

(Attenzione: questo articolo del 2010 NON si riferisce al referendum dell’acqua previsto nel 2011, ma del precedente tentativo di privatizzazione messo in atto dal governo nel 2010)

Vi giro una lettera di padre Alex Zanotelli (della serie:”non tutta la chiesa è da buttare”), una delle poche voci decise che si alza da più di un anno contro la privatizzazione dell’acqua. Condivido e appoggio in pieno, come allora! Grazie Alex. _________________________________________________________

ACQUA: IL GRANDE RIFIUTO di padre Alex ZANOTELLI

Non avrei mai immaginato che il paese di Francesco d’ Assisi (Patrono d’Italia) che ha cantato nelle sue Laudi la bellezza di “sorella acqua” diventasse la prima nazione in Europa a privatizzare l’acqua! Giorni fa abbiamo avuto l’ultimo tassello che porterà necessariamente alla privatizzazione dell’acqua. Il Consiglio dei Ministri , infatti, ha approvato il 9/09/2009 delle “Modifiche” all’articolo 23 bis della Legge 133/2008 . Queste “Modifiche” sono inserite come articolo 15 in un Decreto legge per l’adempimento degli obblighi comunitari. Una prima parte di queste Modifiche riguardano gli affidamenti dei servizi pubblici locali, come gas, trasporti pubblici e rifiuti. Le vie ordinarie ‐così afferma il Decreto‐ di gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica è l’affidamento degli stessi, attraverso gara, a società miste, il cui socio privato deve essere scelto attraverso gara, deve possedere non meno del 40% ed essere socio “industriale”. In poche parole questo vuol dire la fine delle gestioni attraverso SPA in house e della partecipazione maggioritaria degli enti locali nelle SPA quotate in borsa. Questo decreto è frutto dell’accordo tra il Ministro degli Affari Regionali, Fitto e il Ministro Calderoli. E questo grazie anche alla pressione di Confindustria per la quale in tempo di crisi, i servizi pubblici locali devono diventare fonte di guadagno. E’ la vittoria del mercato, della merce, del profitto. Cosa resta ormai di comune nei nostri Comuni? E’ la vittoria della politica delle privatizzazioni, oggi, portata avanti brillantemente dalla destra. A farne le spese è sorella acqua. Oggi l’acqua è il bene supremo che andrà sempre più scarseggiando, sia per i cambiamenti climatici, sia per l’incremento demografico. Quella della privatizzazione dell’acqua è una scelta politica gravissima che sarà pagata a caro prezzo dalle classi deboli di questo paese, ma soprattutto dagli impoveriti del mondo (in milioni di morti per sete!) Ancora più incredibile per me è che la gestione dell’acqua sia messa sullo stesso piano della gestione dei rifiuti! Questa è la mercificazione della politica! Siamo anni luce lontani dalla dichiarazione del Papa Benedetto XVI nella sua recente enciclica Caritas in veritate dove si afferma che l’”accesso all’acqua” è “diritto universale di tutti gli esseri umani senza distinzioni e discriminazioni”. Tutto questo è legato al “diritto primario della vita”. La gestione dell’acqua per il nostro Governo è assimilabile a quella dei rifiuti! Che vergogna! Non avrei mai pensato che la politica potesse diventare a tal punto il paladino dei potentati economico‐finanziari. E’ la morte della politica!

Per cui chiedo a tutti di:

  • Protestare contro questa decisione del governo tramite interlocuzioni con i parlamentari, invio di e.mail ai vari ministeri…
  • Chiedere ai parlamentari che venga discussa in Parlamento la Legge di iniziativa popolare per una gestione pubblica e partecipata dell’acqua, che ha avuto oltre 400mila firme e ora ‘dorme’ nella Commissione Ambiente della Camera;
  • Chiedere con insistenza alle forze politiche di opposizione che dicano la loro posizione sulla gestione dell’acqua e su queste Modifiche alla 23 bis;
  • Premere a livello locale perché si convochino consigli comunali monotematici per dichiarare l’acqua bene comune e il servizio idrico “privo di rilevanza economica”;
  • Ed infine premere sui propri consigli comunali perché facciano la scelta dell’Azienda Pubblica Speciale a totale capitale pubblico: è l’unica strada che ci rimane per salvare l’acqua. Sarà solo partendo dal basso che salveremo l’acqua come bene comune, come diritto fondamentale umano e salveremo così anche la nostra democrazia. E’ in ballo la Vita perché l’Acqua è Vita!

padre Alex Zanotelli
_________________________________________________

Cosa è successo nei paesi dove hanno privatizzato l’acqua?

Una serie di domande emerge in me prepotente:

Come mai i giornali e le TV non ne parlano ? Che non sia perchè dietro ci sono interessi mostruosi per i soliti pochi? E se così davvero fosse… come possono questi pochi superare tutti i limiti dettati dalla ragione e dall’intelligenza, come possono scavalcare i cancelli del buonsenso, come possono farla sempre franca?

Domande che non sembro essere l’unico a porsi, a quanto pare. Come ha scritto Debora Billinel suo blog:

Io mi rifiuto di credere che costoro, oltre che criminali, siano anche così imbecilli. Non può essere, non è concepibile, non fino a questo punto, ci deve essere un’altra spiegazione. Credo che lo facciano apposta, che ci sia un disegno preciso dietro tutto ciò. Che deliberatamente vengano inquinate, devastate, avvelenate le zone più belle, a più alta densità turistica e abitativa, più preziose per la collettività. Perché?

Perché glielo ha detto il diavolo.

Mi fa sentire meglio, pensare questo. L’alternativa è ammettere che l’avidità, la brama, la corruzione, la stupidità e l’idiozia umane abbiano raggiunto livelli di non ritorno. E questo, mi spiace, non riesco ad accettarlo. Il soprannaturale, invece sì: mi rimane senz’altro più facile.

Lei però parlava di mafia e ecomafie mentre io parlo di politici che privatizzano l’acqua …  ma in fondo, dov’è la differenza, io vi confesso che non riesco più a vederla così nitida …

__________________________________________________________

Update 1 (22/04/2011)= REFERENDUM SULL’ACQUA

Dopo il nucleare, ora rischia di saltare anche il referendum sull’acqua. Il governo sta infatti pensando a un decreto per bloccarlo.In concreto, l’esecutivo dovrebbe far passare la responsabilità delle tariffe dell’acqua all’Autorità per l’energia, atto che dovrebbe portare alla decadenza del referendum.  Sul tema, il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani – ai microfoni di Radio anch’io – ha dichiarato: “Sarebbe meglio fare un approfondimento legislativo”.
(via IlSalvagente)

Occhi aperti e antenne alzate dunque … come sempre ormai in questo paese!

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 Risposte to ““Sorella Acqua” … privatizzata!”

  1. simone Says:

    “…Laudato si’, mi’ Signore, per sor Aqua,
    la quale è multo utile et humile et PRETIOSA et casta…” (S.Francesco, Cantico delle Creature) Il terzo punto l’hanno interpretato male, molto male….

  2. Alberto Enriquez Says:

    se ami la vita ami l’acqua,la vita è di tutti l’acqua è di tutti shalom

  3. Raffaella Nunziata Rega Says:

    Dio c’e l’ha data e GUAI a chi la tocca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: