Dove sarà la zona più inquinata d’europa?


Prima di leggere questo post vi consiglio di prendere un bel respiro e di trattenere il fiato.

Sii lodato, mio Signore, per il fratello vento, per il cielo nuvoloso e sereno e per ogni variazione atmosferica per mezzo del quale alle tue creature dai nutrimento.

Così recita un passo de “Il Cantico delle Creature” scritto da quell’Illuminato di San Francesco che come i nativi americani aveva capito dove viveva e da cosa dipendeva la sua sopravvivenza.

“Per fortuna” la scienza, la tecnologia e le banche si sono sviluppate e ci hanno permesso di vivere in una società più comoda. Abbiamo tutto e … buttiamo via tutto…. Se aprite il vostro armadio e ci guardate dentro ci vedrete i soliti vestiti, alcuni più nuovi e altri più vecchi. Se provate solo per un attimo a mettervi DAVVERO nei panni di qualche persona molto più povera di noi, ad esempio una persona che vive nelle favelas, nelle baraccopoli o peggio ancora, in Africa. Dentro quell’armadio ci vedrete qualcos’altro. Vedrete il necessario per vestirvi quasi per tutta la vita… l’armadio è lo stesso… e hanno ragione loro.  Siamo noi che percepiamo la realtà in maniera distorta, basta un buchetto nella maglia e ormai il 90% dei “consumatori” la getta per comprarne una nuova, la macchina quando ha 5 anni è vecchia … di telefonini e computer poi non parliamone… Io non riesco più a buttare via nulla, c’è mia moglie che ci pensa, agendo quasi di nascosto perchè sa quanto mi dia fastidio veder gettare ad esempio un paio di jeans. Per come la vedo io, anche se ha 4 o 5 buchi ed ha macchie che non vanno via è pur sempre utilizzabile (per esempio nei prati, quando vado per boschi, per stare in casa). Certo, ancora non riesco ad uscire per una cena indossandoli … ma mi piacerebbe farlo … sono dei jeans, finchè mantengono la funzione di coprirmi e ripararmi le gambe vuol dire che “funzionano”; Quando perderanno quella funzione, e solo allora, vorrà dire che … potrò cominciare ad usarli come stracci per asciugare in casa ! Cerchiamo di buttare via il meno possibile e di comprare il meno possibile. Riprendiamo l’uso dei nostri occhi, insegnamogli a vedere quali sono le cose VERAMENTE necessarie da quelle in più. Basta un minimo di sensibilità e capacità di mettersi nei panni di altre persone o creature.

NON E’ RETORICA O UN DISCORSO DI SOLA ETICA MORALE, QUI NE VA INNANZITUTTO DELLA NOSTRA SALUTE .

Troppo spesso si parla di “INQUINAMENTO” in termini molto astratti, dando cifre che la maggior parte delle persone fatica a comprendere, facendo sempre vedere nel servizio al telegiornale il solito tubo di scappamento della solita macchina filmata 15 anni prima. Bella informazione, non c’è che dire ! Quanti di voi hanno visto uno specialista descrivere su qualche TG questa immagine:

Mappa dell'inquinamento in Europa

Mappa Inquinamento Europeo

Ebbene si cari amici. Siamo PRIMI come livello di monossido di carbonio e altri inquinanti… CHE CULO! Di solito nelle classifiche europee siamo ultimi, ma almeno questa l’abbiamo vinta noi, dai (ce la giochiamo un po’ con il Belgio ma possiamo farcela!)

Ovviamente cito la fonte: European Space Agency, (c’è anche la stessa foto versione “globale”) dovrebbe bastare a quel genere di lettori curiosi, che non si accontentano di leggere una notizia, ma ne cercano le fonti, le sorgenti per verificarne l’autenticità e trovare ulteriori informazioni o nuovi elementi. Quello che ciascuno di noi dovrebbe imparare a fare (se già non lo fa) e che trova in internet un valido alleato per fare questo tipo di ricerche.

L’immagine comunque è piuttosto impressionante soprattuto se si pensa che l’ Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che la pianura padana è una di quelle zone (insieme alle grandi città) a rischio sanitario . La notizia, se ce ne fosse bisogno viene anche confermata dalle ASL che si trovano all’interno della nube rossa della foto. Qui giusto a titolo d’esempio, il rapporto di quella di Verona … date un occhio cosa c’è scritto alla fine di pagina 3 e …. con coraggio …

… torniamo pure a respirare, e a far respirare in pianura padana i nostri figli e nipoti, come se niente fosse !

Sempre più spesso ormai mi chiedo cos’altro dobbiamo ancora sapere, cos’altro dobbiamo leggere o sentire per indignarci una volta per tutte e decidere tutti insieme di cambiare radicalmente stile di vita…. io sono pronto… da tempo.

Advertisements

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

8 Risposte to “Dove sarà la zona più inquinata d’europa?”

  1. Simone Says:

    Porto il mio contributo, ho trovato anche questo, giusto per “rincarare la dose”: http://www.ecplanet.com/print.php?id=25493&madre=8

  2. Enricom75 Says:

    Grazie Simone per il contributo.

  3. giacomo di leonardo Says:

    VORREI RINGRAZIARE CHI SI OCCUPA DI DIFFONDERE I DATI CHE HO LETTO SUL VS SITO, CHE HO TROVATO PIU’ COMPRENSIBILI DI QUELLI INDICATI DAL CNR, SOLO X FARE UN’ ESEMPIO…!!
    CERCO UNA MAPPA DETTAGLIATA DELLE ZONE PIU’ INQUINATE D’EUROPA E DI ITALIA, CHE SPECIFICHI IL TIPO DEGLI INQUINANTI OLTRE CHE IL LUOGO DOVE SI TROVANO.
    CERCANDO PERO’ HO SCOPERTO AD ESEMPIO CHE I DATI FORNITI DALL'”AUTOREVOLE” CNR SI BASANO SULLE DICHIARAZIONI DELLE STESSE INDUSTRIE……CI RENDIAMO CONTO????
    E SUL LORO SITO SI GIUSTIFICANO A TALE RIGUARDO!!!!!!
    DETTO QUESTO, AMMESSO CHE ESISTA QUALCUNO IN GRADO DI FORNIRE UN CENSIMENTO DI QUESTO TIPO, COSA CHE DOVREBBE ESSERE OBBLIGATORIA A MIO PARERE, MA PENSO DI SFONDARE UNA DELLE VOSTRE PORTE PIU’ APERTE, VI SAREI IMMENSAMENTE GRATO SE POTESTE DARMI INDICAZIONI, ANCHE DI ALTRI SITI…..CIO’ CHE CONTA E’ IL RISULTATO…..CIOE’ DAL MIO PUNTO DI VISTA, FORNIRE INFORMAZIONI DEDITE AD ACCRESCERE LA CONSAPEVOLEZZA COMUNE RISPETTO QUESTI ARGOMENTI FONDAMENTALI PER OGNI ESSERE PRESENTE SU QUESTA TERRA!!!!!!!!!!!!!!

    ATTENDO CON ANSIA QUALSIASI TIPO DI INFO VOI VORRETE/POTRETE FORNIRMI!!!!

    GRAZIE PER IL LAVORO SVOLTO E PER QUELLO CHE FARETE!!!!
    TUTTO IL NOSTRO APPOGGIO E’ GARANTITO E SUPPORTATO DA UNA RETE DI NATURALISTI ORTODOSSI SU FACE BOOCK E DI SITI DI INFORMAZIONE INDIPENDENTE CON LO SCOPO DI DIVULGARE E SENSIBILIZZARE GRATUITAMENTE IL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE POSSIBILE!!!!!

    GRAZIE ANCORA, GIACOMO DI LEONARDO

  4. Fabrizio Pippo Says:

    Auguro a tutti quelli che hanno letto fino in fondo questo scritto, che hanno avuto il desiderio di lasciare un commento, di trovare in se stessi la forza per riuscire ad abbandonare questa maledetta pianura, alla faccia di chi ce l’ha consegnata in questo stato.
    Saranno loro a perdere la nostra ricchezza. Noi non perdiamo nulla.
    Sono loro che rimarranno soli. Noi pensiamo ad un futuro insieme, come animali sociali quali siamo!
    Pensiamo ai nostri figli e raccogliamo le forze per offrire loro un futuro… migliore, anche altrove. Crediamoci!!! Buona fortuna a tutti!!!

  5. mauro Says:

    Bel mappa! io e famiglia stavamo pensando proprio in questi mesi di alluntanarci da questo groviglio padano industriale, pensavamo alla maremma, o alla Alpujarra, parco naturale della sierra nevada tra Granada e Almeria.
    Ma visto il mappa mi è risorta la voglia di Azzores.

  6. mauro Says:

    P.S: a nuoto però!

  7. Antonio Maria Guida Says:

    per quanto riguarda l’armadio in africa mi sa che non ce l’anno proprio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: